Rob Roy Cocktail: Ricetta e Preparazione

Rob Roy Cocktail: Ricetta e Preparazione

ROB ROY

1 1/2 oz SCOTCH WHISKY

5/6 oz VERMOUTH ROSSO

2 Dash BITTER


BICCHIERE: 
COPPETTA

METODO: STIR & STRAIN

GUARNIZIONE: SCORZA ARANCIA

IL NECESSARIO

Puoi creare anche tu un cocktail buono come quello fatto da Claudio! Potrai offrirlo ai tuoi amici, oppure condividerlo con la tua dolce metà. Servono pero’ tutti gli ingredienti giusti, e gli strumenti del bartender.

Seguendo i link qui sotto potrete comprare comodamente da Amazon tutto il necessario per realizzare questo cocktail.

Bicchiere


Bottiglie

Strumenti

STORIA

Rober MacGregor. Questo è il nome di battesimo dell’eroe scozzese noto come Rob Roy (1671-1734) o, ancora meglio, il “Robin Hood” scozzese. Capo clan, brigante e leggendario eroe scozzese MacGregor passò alla storia per le sue battaglie contro il duca di Montrose, fama raggiunta anche grazie al romanzo dedicatogli da Sir Walter Scott. In tempi più recenti ricordiamo Rob Roy come pellicola cinematografica del 1995 nella quale l’attore Liam Neeson interpreta il nostro eroe.

liam neeson in rob roy
liam neeson in rob roy

A onor del vero il beniamino scozzese era stato più volte protagonista di varie rappresentazioni teatrali e proprio in onore della prima del 1890 a Broadway fu inventato il cocktail in suo onore da un barman a noi ignoto.

Chiaramente ispirato al Manhattan si differisce da questo per l’utilizzo di whisky scozzese proprio per omaggiare l’eroe. A livello organolettico il drink porta con se tutte le caratteristiche degli scozzesi, una torba pronunciata, la differenza di materia prima rispetto al rye americano usato per il Manhattan, quell’orzo che grazie al processo di maltazione e la conseguente lavorazione scozzese fa sentire la sua presenza in maniera più vellutata e abboccata rispetto alla “tagliente” segale. Queste peculiarità hanno fatto si che il rob roy si ritagliasse un suo spazio nella storia dei cocktail, privandosi per sua fortuna dell’ingombrante  paragone col Manhattan e sfuggendo anche all’etichetta di “twist” che spesso si usa per quei drink che hanno una chiara impronta data da uno dei cosiddetti “unforgettable”.

 La costruzione deve avvenire in mixing glass ed il drink servito in coppetta ben ghiacciata, guarnito con una ciliegia al maraschino o, ancora meglio una ciliegia sotto spirito homemade.

Se volessimo essere ancor più leziosi nel portare  il nostro omaggio all’eroe, utilizziamo un whisky delle Highlands, territorio natio di Rob Roy, renderemo così onore ancor meglio a tutto il Clan MacGregor.

Se invece la nostra dipendenza dalla torba è tale da non essere spenta dal fresco prodotto delle Highlands provate a sostituirlo con un whiskey delle Islay, ben più torbato, sapido e ruffiano, ma attenzione! In questo caso state servendo un twist, che prende il nome di Fitzroy….ma questo è un altro capitolo, che affronteremo più avanti….

Cheers!

Michelangelo

rob roy