Negroni Sbagliato Cocktail: Ricetta e Preparazione

Negroni Sbagliato Cocktail: Ricetta e Preparazione

NEGRONI SBAGLIATO

1 oz CAMPARI

1 oz VERMOUTH

TOP PROSECCO BRUT

BICCHIERE: COPPETTA / OLD FASHIONED

METODO: BUILD

GUARNIZIONE: FETTA ARANCIA

IL NECESSARIO

Puoi creare anche tu un cocktail buono come quello fatto da Nik! Potrai offrirlo ai tuoi amici, oppure condividerlo con la tua dolce metà. Servono pero’ tutti gli ingredienti giusti, e gli strumenti del bartender.

Seguendo i link qui sotto potrete comprare comodamente da Amazon tutto il necessario per realizzare questo cocktail.

Bicchiere

Bottiglie

Strumenti

STORIA

Intuizione o errore?

Spesso si associa al Negroni Sbagliato una delle due parole qui sopra, ma sappiamo davvero cosa significano? E sappiamo davvero se lo “sbagliato”, come tutti lo chiamiamo oggi, sia nato per colpa dell’uno o per merito dell’altra?

Se andiamo sul vocabolario della lingua italiana troviamo il significato di questi due vocaboli. L’intuizione “…indica quel tipo di conoscenza immediata che non si avvale del ragionamento o della conoscenza sensibile.”

E ancora, l’errore viene reso come “…l’abbandono della verità (logica o etica) o della convenienza, provocato da un fraintendimento o travisamento di valori…”

Quante volte nella storia gli errori o l’intuizione hanno dato origine a qualcosa di perfetto? Di mitico? Qualcosa che è durato nel tempo e che ancora oggi rimane avvolto da un alone di mistero e leggenda?

Ricordo che da bambino facevo spesso colazione con dei fiocchi di cereali, famosissimi in tutto il Mondo, e ogni mattina leggevo sulla confezione della nascita di quel prodotto, ancora e ancora, tutte le mattine, come un rituale, prima di prepararmi per andare a scuola.

Ebbene, anche questi famosi cereali nascono per errore. Lo sapevate? Per farla breve, un’infornata di cereali venne dimenticata in cottura quando all’improvviso cessò la corrente nell’edificio, nessuno prestò più attenzione a quella teglia dimenticata, e quando la mattina seguente la corrente tornò. Il forno continuò il suo lavoro, cuocendo i cereali, che col calore “esplosero” facendo nascere i fiocchi che tutti conosciamo. Del successo seguente inutile che stiamo a spiegare…

Errore o intuizione? Chiamatela come volete sta di fatto che il grande Mirko Stocchetto, l’errante, o l’intuitivo, come preferite, durante una serata particolarmente impegnativa al Bar Basso di Milano, in cui le comande arrivavano al bancone più velocemente di quanto i drink uscissero, mise del prosecco nella mistura di campari e martini rosso, che in realtà stava aspettando del gin, vuoi la fretta, vuoi la distrazione, vuoi la concitazione di fine anni 60, ed ecco che il malcapitato avventore che aveva chiesto un negroni si trovò a berlo…sbagliato.

Il successo fu tale che invece di inveire contro il barman il cliente gli fece i complimenti e lo pubblicizzò ovunque. In una Milano in cui il Politecnico era il centro del boom economico grazie ai cervelli che vi lavoravano, la moda aveva trovato terreno fertile dove impiantare fabbriche e dove il rito dell’aperitivo era vissuto ancora con un bitter campari o un vermouth, ecco che lo”sbagliato” era diventato il nuovo modo di bere l’aperitivo, perfetto nella sua errata composizione e ottimo per la volontà che deve perseguire a livello etimologico.

Oggi purtroppo Mirko ci ha lasciato, era il novembre di 3 anni fa, e con queste poche righe vogliamo ricordarlo in maniera diversa, non staremo qui a dire che arrivava dall’hotellerie, che aveva studiato e lavorato a Cortina con Hausmmann, grande barman dell’Harris bar, o che aveva portato a Milano l’arte del cocktail, preferiamo ricordarlo non come l’inventore, il creatore, l’errore o l’intuizione dello sbaglaito, perché sarebbe troppo semplice ed ormai tutti lo sanno!

Noi di ITB vogliamo ricordare Mirko come uno dei primi Bartender veri, uno che ha capito il marketing quando quelli del “Poli” cercavano di capirlo, perché uno che rileva il Bar Basso, storico bar di quartiere, senza cambiargli il nome e facendo spostare le masse prima ancora del suo famigerato errore, vuol dire che sapeva esattamente come muoversi, aveva capacità da grande barman internazionale, ma sapeva “giocare” col popolo milanese, ancora molto provinciale a tal proposito. Sapeva esattamente come muoversi, non solo dietro il bancone.

Vogliamo ricordarlo per le centinaia di cocktail che ha inventato, non solo per quello che ha “sbagliato”, ed in suo onore, questa sera, ci berremo un po di vodka e succo di pompelmo, o un “mirketto” se proprio vogliamo dargli un nome, come lo chiamava lui.

Cheers!

Michelangelo

negroni sbagliato cocktail