50 Best Bar: Guilhotina Bar, São Paulo

50 Best Bar: Guilhotina Bar, São Paulo

Guilhotina Bar, São Paolo

Bentrovati amici di ITB,

questa volta abbiamo preparato per voi una di quelle rubriche davvero imperdibili, vi racconteremo i The World 50’s Best Bar. La penna di Michelangelo vi farà viaggiare alla scoperta dei migliori bartender, location e cocktail del Mondo.

Oggi ci tuffiamo in questo mondo dirigendoci a São Paulo presso il: Guilhotina Bar

Best Bar in The World 15/50🎖🚩🐓

Un Locale da perderci la testa!
Così potremmo definire una delle new entry nell’elenco dei 50WBB.

Da quando ha aperto nel 2016 il “Ghigliottina” di San Paolo del Brasile ha puntato tutto su un ambiente informale, dove poter assaporare ottimi drink e soprattutto divertirsi; la location mantiene la configurazione pressoché originale della struttura che la ospita, con soffitti molto alti, pareti di mattoni scrostati e anche il pavimento risulta quello di “primo impianto”.

Il capo barman Marcio Silva in pochi anni ha portato il locale ad essere uno dei più rinomati di tutto il Brasile, con ospiti proveniente da tutto il mondo. Questo ambiente così informale è parte integrante del successo, gli interventi hanno riguardato solo pochi spazi, che sono stati arricchiti con tutto il “necessaire” che non può mancare in un perfetto locale by night, piante, bottiglie e tools di ogni genere adornano le scaffalature  moderne inserite in questo contesto industriale con mattoni e tubi a vista.

Guilhotina Bar, São Paulo

Gli ospiti si riuniscono intorno a sgabelli alti, tavoli sui marciapiedi ed una veranda minimal, il tutto è senza pretese, all’insegna della convivialità e della condivisione.

Tutto ciò contribuisce a creare la drink list di Silva, cocktail originali, utilizzo di vermouth italiani, vini, spezie e ingredienti etnici, azzarderei a dire fusion.

Ma se volessimo un classico? Niente paura, qui al ghigliottina è sufficiente richiamare l’attenzione del barman e dargli un grido col nome del cocktail che vogliamo, in un attimo ecco serviti i classici alla perfezione.
Bravo Silva!